L’interventistica senologica di lesioni mammarie consiste nel prelievo di alcune cellule o di un frammento di tessuto e nella successiva analisi anatomopatologica del materiale prelevato. Esistono diversi tipi di biopsia della mammella a seconda del tipo di ago che viene utilizzato per effettuare il prelievo.
Il più semplice è l’agoaspirato sottoguida ecografica, cioè il prelievo di alcune cellule della zona sospetta mediante un ago sottile; ( sinonimi FNAB (Fine Needle Aspiration Biopsy) e prelievo citologico).

Un altro tipo di metodica è la biopsia percutanea ecoguidata CNB(Core Needle Biopsy), prelievo microistologico; si tratta del prelievo di un piccolo frustolo di tessuto dalla zona sospetta mediante un dispositivo particolare generalmente denominato ago a scatto.
Altra tecnica bioptica è il prelievo microistologico effettuato mediante biopsia vacuum assistita che utilizza una sonda assistita da un computer per effettuare biopsie di lesioni non palpabili, della mammella reperite precedentemente attraverso esami radiologici o ecografici. Esso permette di prelevare frustoli di tessuto da analizzare istologicamnete. Il prelievo VABB viene effettuato mediante guida ecografica, mammografica, o con l’utilizzo della risonanza magnetica.
Quindi diventa possibile guidare il prelievo con la metodica che meglio visualizza il reperto in esame.