Specialità mediche e chirurgiche

Filler per il riempimento di rughe e depressioni

Il filler è un impianto (intradermico o sottocutaneo) di acido ialuronico, riassorbibile e biocompatibile, per la correzione delle rughe e il modellamento dei volumi del viso. L’acido ialuronico, elemento costitutivo naturale dei tessuti connettivi dell’uomo e di molte specie animali, è un componente fondamentale della matrice viscosa in cui sono immerse le fibre elastiche e le fibre collagene del derma cutaneo.

Tra le importanti funzioni svolte dall’acido ialuronico nella cute, vi è quella di dare volume, o di correggere rughe e solchi, quando trattato chimicamente per perdurare per periodi più lunghi nel tessuto ospite (crosslinking).

La sua presenza, nella cute, si riduce in seguito all’invecchiamento e ciò contribuisce al decadimento delle proprietà meccaniche della pelle.

Zone da trattare:

Aree in cui la struttura della cute si è assottigliata creando rughe e grinze (le rughe sono tra i primi segni visibili dell’avanzare dell’età; successivamente possiamo osservare solchi, depressioni e perdita di volume sul volto: lo scopo del filler consiste appunto nella correzione degli inestetismi cutanei), dove si sono formate depressioni a causa di un trauma, dove si vogliono ripristinare od aumentare i volumi di strutture come labbra e zigomi, per la correzione delle cicatrici ipotrofiche e, in casi selezionati, per la correzione delle occhiaie.

La metodica consiste nell’iniezione (effettuata con un ago monouso o cannule sottilissime) di tali sostanze. L’applicazione è abbastanza rapida e i materiali usati sono completamente riassorbibili.