Il nuovo test prenatale non invasivo, sicuro, affidabile

PrenatalSAFE, il test innovativo, semplice e sicuro, per la diagnosi prenatale della Sindrome di Down e delle principali anomalie cromosomiche fetali.

PrenatalSAFE è un esame non invasivo. Con un semplice prelievo ematico della gestante, analizzando il DNA fetale libero circolante isolato da un campione di sangue, identifica le aneuploidie fetali più frequentemente riscontrate in gravidanza, quali quelle relative ai cromosomi 21, 18, 13, X e Y.

Per saperne di più contatta la Clinica Paideia:

Perché PrenatalSAFE

Durante la gravidanza, alcuni frammenti del DNA del feto circolano nel sangue materno; questo DNA contiene informazioni genetiche preziose sui cromosomi del bambino. Il DNA fetale viene inizialmente isolato dalla componente plasmatica del sangue materno e analizzato attraverso un processo di analisi tecnologicamente molto avanzato, al fine di determinare la presenza di eventuali aneuploidie cromosomiche.

In cosa consiste

PrenatalSAFE non comporta alcun rischio per il feto e la madre.Il test viene eseguito mediante un semplice prelievo ematico della gestante, con un’età gestazionale di almeno 10 settimane. I risultati vengono consegnati entro circa 5-7 giorni dalla data del prelievo.

Quali informazioni è in grado di fornire

PrenatalSAFE identifica la presenza delle seguenti aneuploidie fetali:

  • Trisomia 21 (Sindrome di Down)
  • Trisomia 18 (Sindrome di Edwards)
  • Trisomia 13 (Sindrome di Patau)
  • Monosomia X (Sindrome di Turner)
  • XXX (Trisomia X)
  • XXY (Sindrome di Klinefelter)
  • XYY (Sindrome di Jacobs)

Il test inoltre determina il sesso fetale (XX o XY), informazione aggiuntiva molto utile per la gestione del rischio di malattie genetiche legate al cromosoma X, come per esempio la Distrofia Muscolare di Duchenne o l’Emofilia.

Il test prevede anche la possibilità di eseguire di eseguire un approfondimento diagnostico di secondo livello, che consente di individuare la presenza nel feto di alterazioni cromosomiche strutturali ed alcune comuni sindromi da microelezione/micro duplicazione, quali per esempio la sindrome DiGeorge, Cri-du-chat, Prader-Willi/Angelman, etc.