Trattamento di medicina estetica per le macchie solari a Roma

S.O.S. macchie!

Con l’arrivo dell’autunno, dopo le vacanze estive e le lunghe esposizioni solari, i trattamenti per la pelle del viso e del corpo si fanno più esigenti. La pelle del viso, in particolare, deve far fronte alla formazione di nuove macchie scure mai viste prima o che con la tintarella sono diventate più evidenti. La salsedine, il vento, la sabbia, il cloro e i raggi solari favoriscono la disidratazione e inspessiscono la pelle del viso, rendendola meno elastica e poco luminosa.

Come prepararla all’autunno?
Le parole d’ordine sono: idratazione ed esfoliazione! Sia il viso che il corpo necessitano di un’idratazione più profonda. Sieri, creme ed emulsioni più fluide sono degli ottimi alleati per contrastare la disidratazione, da scegliere in base al tipo di pelle e all’età. Il primo passo prima di applicare una crema è quello della detersione che dev’essere costante e delicata fondamentale per rimuovere le tossine, le polveri sottili che si depositano sulla cute, il make-up e per preparare la pelle a ricevere i trattamenti successivi. Inoltre è fondamentale applicare una crema specifica sia per il giorno sia per la notte arricchita di antiossidanti e di sostante lenitive e restitutive che apportino idratazione e che impediscano la dispersione dell’acqua dalla pelle.

Macchie solari medicina estetica

I trattamenti più indicati? Peeling e luce pulsata per dare luminosità alla pelle!
Peeling (dall’inglese to peel) significa rimozione rapida e controllata degli strati più superficiali dell’epidermide. I peelings chimici, superficiali o medio-superficiali, mediante l’applicazione di sostanze, per lo più acidi organici (Acido Mandelico, Glicolico, Piruvico, Salicilico, Tricloroacetico etc.) rimuovono le cellule morte dello strato corneo, rendendo la pelle più luminosa, levigata, con un colorito uniforme e più brillante. L’effetto esfoliante accelera il turn-over cellulare, rimuove ispessimenti, impurità e tossine che impediscono una corretta ossigenazione della pelle. Attraverso il peeling è opportuno aspettarsi un’attenuazione delle iperpigmentazioni superficiali, molto frequenti quando l’abbronzatura comincia a perdere smalto, soprattutto se i peelings vengono ripetuti e si associa l’utilizzo di prodotti depigmentanti.
La luce pulsata (Intense Pulsed Light – IPL) è una procedura che si avvale di un’energia luminosa ad ampio spettro. Trova indicazione per il trattamento delle ipercromie cutanee, delle teleangectasie del viso, per la epilazione definitiva e per il fotoringiovanimento cutaneo. Nel trattamento delle ipercromie cutanee lo stimolo termico della luce pulsata, rilasciata attraverso uno speciale manipolo in una serie di impulsi, determina la frammentazione dei granuli di melanina, favorendo l’eliminazione dell’ipercromia cutanea lasciando inalterata la cute circostante. Subito dopo il trattamento le macchie trattate tendono a scurirsi con successiva formazione di piccole crosticine, ma l’utente può tornare alle sue normali abitudini applicando una protezione solare elevata, prima di esporre ai raggi solari la zona trattata, per evitare iperpigmentazioni.

Prenota un Check- up cutaneo e scopri qual è il trattamento più adatto al tuo tipo di pelle! Visita la pagina di medicina estetica o chiama il numero 06.83 600 900

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *